Venezia – Fascino italiano
Vista dal Ponte dell'Accademia

Venezia – Fascino italiano

Come al solito, un viaggiatore incallito come me, prima di vedere le bellezze italiane si è girato gli angoli più sperduti del mondo.
Non dimentichiamo che ho visto Roma (ne parlo qui) per la prima volta a 33 anni, e meno male che mi sono deciso a farlo, seppur con colpevole ritardo. Quindi avendo un week end libero in coincidenza col Carnevale, ho deciso di colmare un altro “colpevole buco” nella mia memoria di viaggiatore: Venezia.

Non è stata la prima volta ad onor del vero, ma ero molto piccolo quando la vidi…e praticamente questa è stata come se fosse la prima volta. Mi sono mosso da solo, come ogni tanto mi piace fare, soprattutto quando vedo qualcosa per la prima volta, il tempo è poco e le cose da fare molte.

Per raggiungere Venezia consiglio il treno, con l’alta velocità da Milano è di una comodità e convenienza che il pensiero di prendere l’auto non ti viene proprio. Senza contare che in treno si arriva diretti in laguna e si è già praticamente in centro città. Per l’alloggio, se si vuole spendere qualcosa meno (e magari si è da soli come me), può convenire passare la notte a Mestre dove ci sono parecchi hotel di tutte le categorie con prezzi decisamente più bassi e da dove, con soli 1,50 euro, si può prendere il treno (ce n’è circa 1 ogni 15 minuti) che in 10 minuti ti porta a Venezia..comodissimo.

Certo, se il week end o la vacanza hanno connotati romantici, e non si guarda troppo al portafoglio, è consigliabile soggiornare direttamente in laguna, il fascino di dormire e svegliarsi in un alberghetto o un B&B tra i calli veneziani…non ha prezzo!

Per quanto mi riguarda avendo solo 2 giorni e col carnevale in pieno svolgimento, ho deciso di risparmiare quanto più possibile e che avrei visitato solo la parte centrale della città e i suoi siti principali, escludendo quindi le isole raggiungibili solo con traghetto come Murano e Burano.

Il carnevale a Venezia è una festa coinvolgente, che attira gente da tutto il mondo e da tutta Europa, che si veste di tutto punto coi tipici costumi tradizionali veneziani e gira per la città. Tante sono le foto che si sprecano a piazza San Marco e lungo i suoi calli ogni volta che si incontrano queste splendide maschere. Sembra di fare un salto nel passato ai tempi dei Dogi. In questo periodo anche muoversi a piedi rappresenta un bell’ostacolo perché la folla è molta e più ci si avvicina a piazza San Marco (fulcro degli eventi carnevaleschi) più bisogna avere pazienza per accedere dai varchi segnalati e controllati dagli agenti.

Cosa non perdere a Venezia? Presto detto. In primis il Ponte Di Rialto dove, dalla sua balconata, si ammira un’incredibile vista sulla parte più signorile della città e sugli splendidi palazzi che affacciano sul Canal Grande, veramente suggestivo. Come suggestivo è il ponte stesso, sia per la forma che per le dimensioni, un vero gioiello. Poi Piazza San Marco, il cuore della città con l’omonimo campanile e la Basilica, che sono il simbolo della città stessa fotografati da qualsiasi possibile angolazione. Da piazza San Marco è poi molto bello passeggiare lungo Riva degli Schiavoni, seguendo la banchina dove sono attraccate tutte le gondole e godere dei signorili palazzi ed hotel affacciati sul mare, tra i quali palazzo Ducale dietro al quale sorge il famoso Ponte dei Sospiri, che lo collega con le vecchie carceri. In lontananza, nella laguna, si può ammirare la Chiesa di San Giorgio Maggiore.

Non per bellezza della struttura in sé, ma per la vista che si gode dalla sommità, bisogna assolutamente salire sul Ponte dell’Accademia (10 minuti a piedi da San Marco) dalla quale si gode di una delle migliori cartoline di Venezia…da rifarsi gli occhi!

Personalmente ho apprezzato molto tutto il quartiere ovest della città, uscendo dalla stazione e attraversando il Canal Grande dal Ponte della Costituzione si entra in un dedalo di calli e canali dal fascino antico, poco frequentati, dove si respira appieno l’atmosfera della città e dove si posso scorgere degli angoli veramente suggestivi.

Per la sera, o per un aperitivo, consiglio la zona dietro al Ponte di Rialto, fino al mercato, dove ci sono tanti locali e piazzette dove si balla e ci si diverte tra uno Spritz e l’altro.

Chiese e Basiliche sparse per ogni angolo della città non si contano ovviamente…vale pena di visitarne qualcuna se ci passate davanti.

Ho apprezzato anche la zona di Cannaregio e del quartiere ebraico che, anche se un po’ periferico, è comunque affascinante e meno frenetico.

Per il resto, perdetevi nelle sue vie, tra i suoi canali, ovunque troverete scorci magici e romantici che non troverete in altre città al mondo. Venezia è unica! Godetevi il mare, fermatevi a degustare qualche piatto locale o anche a bervi uno spritz guardando la gente passare. Sarà l’effetto dell’acqua, ma qui la vita sembra scorrere più lenta e ammirare cotanta bellezza è già un piacere che vale la pena di essere vissuto.

Lascia un commento

9 + diciotto =

Chiudi il menu

Ti piace il Blog? Condividilo!