Barcellona, vitalità spagnola!
La spiaggia della Barceloneta

Barcellona, vitalità spagnola!

Ecco una città che mi è rimasta nel cuore…Barcellona. E’ una città che mi emoziona e mi piace a tal punto da esserci tornato ben 4 volte.

Barcellona è forse una delle poche città al mondo dove vivrei. Prima di tutto per il mare. Il mare mi affascina molto, ed è un grande incentivo…ma al mondo ci sono tantissime città di mare. E allora aggiungo che è una città molto vivibile, giovane, con tanti quartieri alla moda, con tanti bar e ristoranti particolari. Una città ricca di cose da vedere e da fare, che non ti annoia mai sia di giorno che di sera.

Forse uno dei suoi pregi è anche che la gente spagnola è molto simile a quella italiana, e quindi ti ci trovi subito in sintonia.

Non voglio stare a parlare di tutti i monumenti ed attrazioni che sono tanti e tutti belli. Parlerò solo dei quartieri che mi emozionano e che particolarmente preferisco.

Parto dal Barrio Gotico, con la sua cattedrale di Santa Maria del mar. La zona è molto viva, movimentata, con tanti locali dove mangiare o fare un aperitivo. E’ una zona prevalentemente pedonale, quindi è agevole muoversi a piedi tra i suoi vicoli ed i suoi negozietti. Amo perdermi tra le sue vie.

L’altra zona che amo è la Barceloneta, la zona della spiaggia. Il quartiere è fatto di vie strette che formano un reticolo squadrato e fitto, tra alti palazzi popolari che danno un’aria molto trasandata all’insieme…ed è il suo bello. Poi la spiaggia, immensa, e con una passeggiata infinita da percorrere fino a Port Vieil e tanti ristoranti e bar dove prendersi un caffè o mangiare fronte mare. E’ sicuramente la zona che mi piace di più.. soprattutto nelle giornate di sole, passare una mezza giornata qui è rigenerante!

Altro quartiere interessante è quello del palazzo reale, la zona del palazzo delle esposizioni di Plaza d’Espanya. Il viale che conduce alla collina del palazzo reale è molto scenografico, ed anche la piazza è molto bella. Affacciata sulla piazza l’antica arena dei tori, ristrutturata, offre un bel centro commerciale ed una terrazza fatta di numerosi ristoranti, tutti di buon livello, dove mangiare. Mi piace molto fare la salita al palazzo reale (ora museo), dove tra l’altro proprio all’inizio della scalinata, e solo nel week end, la fontana del Montjuic produce il suo spettacolo di acqua e colori al calar del sole ed a ritmo di musica. Trovo lo scenario incantevole.

Dalla zona olimpica, dietro al palazzo reale, è possibile, seguendo la strada, prendere poi la funicolare che taglia Barcellona dall’alto, ed arrivare direttamente in spiaggia…è un bel punto di vista sulla città.

Non si può perdere poi la Sagrada Familia. E’ veramente incredibile la sua architettura ed è incredibile come Gaudì possa averla pensata. Bella fuori, ma da non perdere dentro…ti lascia senza fiato. Non c’è nessuna chiesa al mondo che le si avvicina, è unica nel suo genere.

Per chi ama lo shopping, consiglio di risalire da plaza Catalunya tutto il Passeig de Gracia, attraverso tutti i suoi splendidi palazzi con grandi firme e grandi magazzini delle marche più famose. E’ sicuramente la via più commerciale di Barcellona, e tra un negozio e l’altro, potrete anche fermarvi a fare qualche foto (e magari entrare) alla Pedrera o a Casa Battlò, altri 2 gioielli architettonici del maestro Gaudì, che stonano vistosamente tra i palazzi circostanti.

L’ultima zona, seppur abbastanza lontana dal centro, che mi sento di consigliare è Parc Guell. Questo giardino, firmato sempre Gaudi, è spettacolare. Sia per la vista che offre sulla città dalla sua piazza con la panchina fatta di mosaici che le fa da cornice, sia per le sue sculture e le forme strane degli edifici. Anche il parco è molto curato e nei suoi angoli più remoti ci si può anche piacevolmente rilassare. Un tempo era gratuito l’ingresso, ora si paga, ma ne vale la pena.

Infine l’invito è di godersi la città ed il suo mare, senza la pressione di fare il tour de force per i vari monumenti. La città è molto ben collegata dalla metropolitana, e per le sue parti più esterne anche da un comodo ed integrato servizio di tram. Non è necessario usare altri mezzi.

Prendetevi il tempo di fare un aperitivo tra la gente del posto con un buon calice di vino (o una birra) e qualche Pinxos, i loro tipici stuzzichini, molto variegati sia nel gusto che nella forma, che pagherete “a numero” contando gli stecchini rimasti nel piatto alla fine della consumazione. Vedrete tutti i bar con i banconi pieni di queste prelibatezze da scegliere e gustare in compagnia…sono un invito ad entrare e a consumare, la tentazione è forte. La zona del Barrio Gotico è la migliore per questo tipo di attività.

Un altro posto che consiglio per una buona paella o una cena un po’ più elegante è il ristorante 7 Portes, poco fuori dal Barrio Gotico. Un posto elegante e storico che vi accoglierà fino a tardi. Qui si mangia una delle migliori paelle che abbia mai assaggiato.

In tutto questo ho lasciato fuori le Ramblas, i viali più famosi della città, che da Plaza Catalunya arrivano fino al mare. Un lungo serpentone circondato da negozi, ristoranti, artisti di strada che si snoda tra il verde degli alberi che li circondano. Personalmente trovo che valga la pena visitare il mercato della Bouqueria (anche se ormai è diventato molto turistico), a circa metà del viale, per il resto lo trovo un posto abbastanza turistico e poco caratteristico.

Troverete sempre un volo a buon prezzo ed un hotel/ostello per le vostre tasche, anche se decidete di partire all’ultimo momento. E’ una meta per tutte le stagioni. Il sole abbandona raramente la città, ed anche d’inverno è piacevole venire qui. Non potrete non innamoravi anche voi di Barcellona.

Lascia un commento

4 + tredici =

Chiudi il menu

Ti piace il Blog? Condividilo!