Tramonti dal mondo
Tramonto dalla spiaggia di Beau Valon (Seychelles)

Tramonti dal mondo

Come accennato nella breve descrizione su di me, sono un amante dei tramonti. Nonostante possa sembrare freddo ed insensibile, il mio animo è molto romantico. Però sono anche molto pigro, quindi svegliarsi presto per vedere l’alba non mi ha mai entusiasmato. Pertanto ho preferito dirottare sui tramonti.
Per me hanno un non so che di magico. In qualunque posto del mondo io sia, faccio di tutto per non perdermi mai i tramonti. Ed allora cerco di organizzare le visite e la giornata in modo da essere coi tempi giusti per assistere allo spettacolo.

Se sono al mare beh….il gioco è facile, basta mettersi su una spiaggia dalla quale si possa ammirare bene ed il gioco è fatto. Semplice, rilassante, romantico e gratuito, se poi c’è anche qualche barca a vela all’orizzonte ancora meglio.
Se sono in una grande città, come ad esempio New York, allora bisogna acquistare per tempo la salita ai suoi grattacieli, per non perdersi neanche un minuto dello spettacolo. La cosa che mi piace di più dei tramonti dall’alto nelle grandi metropoli, è il cambio dei colori della città ai tuoi piedi. Il passaggio dalla luce forte, ai colori del tramonto con le sue ombre; in seguito la vista, estremamente emozionante, della città che si inizia ad illuminare sotto i piedi, fino al completo calar del buio ed alla conseguente illuminazione completa fatta di luci al neon, pubblicità e finestre.

Nel complesso, bisogna stare in cima almeno 1 oretta per godersi tutto ciò con calma e scattare quante più foto possibili….ma lo spettacolo, credetemi, ne vale la pena. Senza contare inoltre che con 1 solo biglietto, riuscite a vedere la città sia di giorno che di notte. Alcuni di questi grattacieli, per quest’orario “di punta”, applicano anche un sovrapprezzo (vedi il Burji Khalifa a Dubai ad esempio), ma penso che ne valga comunque la pena per chi sa lasciarsi emozionare dallo spettacolo come me.

Nei vari paesi dove sono stato, ho visto tanti tramonti e tutti molto belli, Italia compresa ovviamente, ma se devo citarne alcuni che mi hanno fatto davvero restare a bocca aperta, ecco i miei preferiti:

– Tramonto sulla spiaggia di Beau Valon sull’isola di Mahè alle Seychelles…il cielo è diventato di un rosso fuoco mai visto prima, sembrava un vero incendio sul mare, una cosa indescrivibile (vedi foto in alto)!

– Sempre alle Seychelles tutti i tramonti visti mentre ero in catamarano, tutti emozionanti anche per la prospettiva diversa con la vista dal mare

– Il tramonto su New York, per me è incredibile, soprattutto visto dal Top of the Rock

– I magici tramonti di Formentera, sia dallo scoglio del mitico “Pirata Bus”, sia dalla spiaggia del Besos beach dalla quale si gode anche la vista su Es Vedrà ad Ibiza

– Il tramonto dal tempio di Tanah Loth a Bali

– I tramonti di Zanzibar visti dalla spiaggia di Nungwi

– I tramonti di Minorca visti dalle sue spiagge della costa ovest

– Il tramonto di Rio de Janeiro, dalla spiaggia di Ipanema, col sole che scende dietro alle montagne dei Dos Irmaos, ma anche quello dal Pan di Zucchero (vedi foto sopra)

– I tramonti della costa nord siciliana

Potrei andare avanti…e tanti si offenderanno per averli esclusi (anche da altre parti d’Italia)…però questi sono quelli che ricordo con maggior affetto, anche perché ogni tramonto è diverso e in questi posti che ho ricordato, in quel momento particolare, c’era un clima ed una congiunzione di fattori particolare per cui i colori, le nuvole e il sole avevano un non so che di magico.

Perchè poi va detto: spesso vedere dei bei tramonti va a fortuna. A volte vedi tante nuvole o della foschia e pensi che non riuscirai a vedere niente…ed invece poi i colori e le nuvole creano dei disegni ed una luce particolare che mai avresti pensato e il tramonto diventa una cosa incredibile. Altre volte al contrario vedi tutto limpido e poi quando il sole sta scendendo, delle nuvole all’orizzonte ti bloccano la visuale, tutta l’atmosfera decade.. e tu rimani con un pugno di mosche e le aspettative deluse. Quello che ho imparato in tanti anni di tramonti (manco fosse una scienza precisa ed io un guru di tale materia) è di non avere mai fretta e restare sempre e comunque fino alla fine. Alle Seychelles, per esempio, sembrava che il sole non si vedesse più scendere all’orizzonte… e ce ne stavamo andando. Invece poi tutto si è incendiato! Come tutte le cose belle per vederle (o per ottenerle) serve pazienza e alla fine spesso lo sforzo sarà ripagato.

Lascia un commento

4 × 1 =

Chiudi il menu

Ti piace il Blog? Condividilo!